List

Di rientro da Savona, dove venerdì 31 Maggio si è svolto il Workshop di apertura del III congresso internazionale Pain Science in Motion.

Una giornata in cui insieme ad altri colleghi abbiamo affrontato il grande universo dell’esercizio terapeutico, dalla sua efficacia alle strategie per proporlo a pazienti con dolore muscolo-scheletrico cronico.

Io e il collega Marco Strobe abbiamo approfondito la parte riguardante il paziente post-chirurgico, che troppo spesso viene gestito sulla base di protocolli riabilitativi pre-costituiti.


L’utilizzo dei protocolli, se da un lato facilita la gestione in sicurezza anche in assenza di competenze specifiche da parte del professionista, dall’altro manca completamente di individualità all’interno del progetto riabilitativo.

Supporre che tutti i pazienti post-chirurgici abbiano presentazioni cliniche identiche da giustificare lo stesso approccio riabilitativo è errato, e proprio in quest’ottica vi è la necessità di individualizzare il trattamento a seconda del singolo caso.

Come ci confermano numerosi studi scientifici, la chirurgia ortopedica rappresenta il tipo di procedura invasiva maggiormente correlata al rischio di sviluppo di dolore cronico e l’ambito in cui con più frequenza si ricorre al bisturi.

Questi due aspetti, rendono molto importante per il fisioterapista specializzato in disordini muscolo-scheletrici capire come poter gestire la prescrizione dell’esercizio, sopratutto di fronte a quei pazienti la cui elaborazione centrale del dolore è preponderante.

È stato visto come, ad esempio, variabili psicologiche quali la catastrofizzazione del dolore, non sono solo collegate con gli outcome post-chirurgici a medio/lungo termine (6-12 mesi), ma pazienti che mostravano questi atteggiamenti prima dell’intervento chirurgico, riportavano anche un maggior livello di dolore nell’immediato post-chirurgico.

A quali conclusioni possiamo quindi giungere? Che un corretto inquadramento pre-chirurgico, potrebbe consentire di capire già su quali aspetti concentrarsi nel percorso riabilitativo post-chirurgico, e quali strategie utilizzare per gestire la prescrizione dell’esercizio terapeutico.


Per chi non fosse riuscito ad esserci, ci saranno novità per il prossimo autunno!